UNPLI Cosenza, tesseramento ed elezioni per la Pro Loco di Praia a Mare

UNPLI Cosenza, tesseramento ed elezioni per la Pro Loco di Praia a Mare

La Pro Loco Praia a Mare con il supporto dell’UNPLI Provinciale di Cosenza, con il delegato dell’area Riviera dei Cedri Salvatore Licursi, riparte dal tesseramento e dalle elezioni in Assemblea dei Soci.

Nei prossimi giorni saranno definite le linee guida secondo lo Statuto vigente, per accompagnare a rinnovare i vari organi in seguito alle dimissioni. Le date per l’apertura del tesseramento all’importante organizzazione del territorio di Praia a Mare saranno domenica 30 maggio e domenica 6 giugno, presso il cinema Loren. Nel prossimo mese, attraverso la consulenza tecnica dell’Unpli provinciale nella persona del suo Presidente Antonello Grosso La Valle, nonché consigliere nazionale e membro della commissione Nazionale Terzo Settore, saranno indicati gli indirizzi normativi al fine di adeguare lo statuto al nuovo Codice del Terzo Settore. Lo stesso nel dare il via al rinnovamento della Pro Loco dell’alto Tirreno cosentino ha evidenziato come il territorio di Praia a Mare, viste le grandi potenzialità e peculiarità che lo contraddistinguo e che ne hanno fatto da sempre una tra le mete più gettonate del turismo costiero ma anche come realtà economica e sociale di notevole importanza, esige un’attenzione particolare e l’avvio di una progettualità più impegnata e produttiva.

Nella chiusa Grosso La Valle ha poi aggiunto: “Il nostro obiettivo è quello di condividere conoscenze e competenze, le risorse e i saperi attraverso l’organismo UNPLI, per affrontare domanda e offerta e l’evoluzione di un cambiamento in atto anche nel mondo del volontariato. Entrare a far parte di una grande rete significa condividere un percorso di co-programmazione e co-progettazione dove pubblico e privato entrano in gioco perseguendo finalità e obiettivi nella logica dello sviluppo sostenibile. Fondamentale è anche che chi partecipa e condivi questo cammino deve gestire in maniera corretta e proficua i rapporti nell’interesse specifico del bene comune”.

COMUNICATO STAMPA

Manuela Fasanella