Bracciante sfruttato si rivolge a Ispettorato, 4 arresti in Calabria

Bracciante sfruttato si rivolge a Ispettorato, 4 arresti in Calabria

E’ stata una denuncia presentata all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Reggio Calabria a dare il via all’indagine che questa mattina ha portato a quattro arresti per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e al sequestro dell’impresa di uno degli indagati. A rivolgersi all’ITL del capoluogo calabrese era stato, nel novembre del 2020, un bracciante agricolo straniero, che aveva denunciato lo sfruttamento lavorativo cui era sottoposto da giorni. Il suo racconto era stato subito raccolto dal personale del NIL, in collaborazione con i carabinieri della Stazione di Palmi e con i mediatori culturali OIM impegnati nel progetto SU.PR.EME dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro. Ne era emersa una storia di sfruttamento e di caporalato che partiva dalla Sicilia, dove il bracciante era stato reclutato per lavorare a Rosarno nella raccolta dei mandarini, con la promessa di un contratto e di un guadagno di 50-60 euro al giorno. Una volta sul posto, il bracciante era stato impiegato nella raccolta di agrumi senza alcun contratto, con turni di 10-12 ore al giorno e con una paga – peraltro mai ricevuta – di 80 centesimi a cassetta. E quando aveva rivendicato le spettanze, era stato cacciato via dal “caporale”. Dall’Ispettorato era partita una comunicazione di reato destinata alla Procura della Repubblica di Palmi, che ha poi avviato l’indagine, conclusasi con le ordinanze di custodia cautelare eseguite questa mattina. “Il lavoro svolto dagli ispettori e dai carabinieri del NIL dell’ITL di Reggio Calabria – ha dichiarato il direttore dell’Ispettorato nazionale del Lavoro, Bruno Giordano – ha consentito alla Procura di Palmi di avviare un’indagine che ha squarciato il velo su una storia di sfruttamento e di caporalato che dimostra che ci sono ancora imprenditori che considerano i lavoratori alla stregua di schiavi. La fiducia riposta nell’Ispettorato del Lavoro è sempre ben ripagata: chi denuncia sa di trovare personale competente e professionale pronto ad ascoltare e a mettersi all’opera per tutelare i lavoratori. Il risultato è stato conseguito grazie al lavoro della Procura di Palmi e dell’ITL di Reggio Calabria; quest’ultimo, assieme a tutti gli uffici territoriali dell’Ispettorato, garantisce quotidianamente impegno e abnegazione per la difesa della legalità e per la sicurezza del lavoro”. (ITALPRESS)

Barbara Santelli

Giornalista