Calabria: balzo dell’export nel 2021. Servono maggior supporto alle imprese e spinta alla digitalizzazione

Calabria: balzo dell’export nel 2021. Servono maggior supporto alle imprese e spinta alla digitalizzazione

La Regione ha registrato una crescita superiore al valore nazionale.

Guidano le provincie di Reggio Calabria e Cosenza.

Algieri: “Intervenire rapidamente per colmare le carenze infrastrutturali che frenano il dinamismo dimostrato dalle nostre imprese negli ultimi due anni.”

Da Pozzo: “Insieme alla Camera di commercio di Cosenza siamo a fianco delle imprese per far crescere il loro export e sviluppare le loro competenze digitali”

Cosenza, 23 giugno 2022 – Balzo dell’export calabrese nel 2021 per un valore complessivo di € 547 milioni, con una crescita del 32,9% rispetto al 2020. La Regione ha saputo reagire alle sfide e alle incognite legate alla pandemia e alla crescita dell’inflazione grazie prevalentemente alla vendita di prodotti all’estero da attività manifatturiera, agricola, di prodotti chimici e materiali ferrosi, nonché metalli di base preziosi.

Nonostante gli ottimi risultati dello scorso anno, le nuove criticità che caratterizzano lo scenario economico internazionale impongono oggi dei ripensamenti sulle strategie per l’export delle aziende italiane e calabresi, in particolare. Centrale rimane il ruolo degli strumenti di sostegno all’internazionalizzazione e una maggior spinta alla digitalizzazione per continuare a presidiare i mercati tradizionalmente legati al nostro export e per intercettare nuove opportunità in economie a maggior potenziale di sviluppo, nella consapevolezza che i prodotti legati al territorio e alla cultura nostrana fanno del Made in Italy un marchio unico e apprezzato nel mondo.

Di questo si è discusso oggi a Cosenza in occasione dell’incontro “Made in Italy, quale futuro? Esportare le eccellenze del territorio tra digitalizzazione e nuove sfide globali”, organizzato dalla Camera di commercio di Cosenza, in collaborazione con Promos Italia – Agenzia Nazionale del Sistema Camerale per l’Internazionalizzazione. Tra i relatori, che hanno contribuito a fornire un quadro della situazione, Roberto Occhiuto, Presidente della Regione Calabria, Klaus Algieri, Presidente della Camera di Commercio di Cosenza; Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia; Federico Rampini, Editorialista del Corriere della Sera e saggista; Franco Moscetti, Presidente di OVS, Corrado Paina, Direttore della Camera di Commercio Italiana a Toronto. A testimonianza dell’eccellenze imprenditoriali calabresi che esportano all’estero, Enrico Parisi, Titolare dell’Azienda Agricola Parisi Enrico – Luigi Renzelli, Socio e Responsabile R&D di Coveser srl.

“Quella dell’internazionalizzazione è una sfida che può essere vinta – dichiara Klaus Algieri, Presidente della Camera di commercio di Cosenza –. La crescita percentuale delle esportazioni calabresi nell’ultimo anno è stata tra le più alte in Italia, a dimostrazione del fatto che le nostre imprese hanno tutto il dinamismo necessario. Un dinamismo che deve essere, però, supportato intervenendo per colmare rapidamente le oggettive carenze infrastrutturali che caratterizzano il nostro territorio, sia dal punto di vista delle reti fisiche che digitali. Occorre affiancare le imprese fornendo loro strumenti, conoscenze e informazioni – aggiunge Algieri – e questo è uno dei motivi della nostra collaborazione con Promos Italia qui a Cosenza e di incontri come quello di oggi. Ma forse, ancora di più, è necessario innescare nuovi meccanismi culturali, guardare in modo diverso, e con maggiore autostima, a quello che siamo e a quello che abbiamo e facciamo, e iniziare a pensare che quando una nostra impresa riesce a costruire e mantenere relazioni internazionali di successo, quando un prodotto di questa impresa riesce ad affermarsi sui mercati internazionali, non è la singola impresa o il singolo prodotto, ma l’intera idea di Calabria a varcare il confine con il suo vestito migliore.”

“La nostra priorità è fornire alle aziende strumenti e soluzioni per avviare o rafforzare i loro processi di export e migliorare le loro competenze in ambito digitale – dichiara Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia, Agenzia Nazionale del Sistema Camerale per l’internazionalizzazione – Grazie al lavoro svolto dalla Camera di commercio di Cosenza supportiamo le aziende direttamente sul territorio, consapevoli della necessità di far emergere il potenziale imprenditoriale ancora inespresso di Cosenza, e più in generale della Calabria, attraverso politiche dedicate e garantendo supporto costante. In questo senso – prosegue Da Pozzo – Promos Italia ha messo a punto, assieme all’Ente Camerale cosentino, un Piano per il Mezzogiorno, che sarà operativo già dalle prossime settimane, con l’obiettivo di rafforzare l’assistenza alle imprese nei loro processi di export e di valorizzare le eccellenze del territorio”.

Il Piano per il Mezzogiorno prevede di rafforzare le sinergie con gli stakeholders del territorio; implementare le azioni di accompagnamento sui mercati esteri; mappare le opportunità di accesso agli strumenti di finanza agevolata per l’export e per gli investimenti, con particolare riferimento alle risorse del PNRR; garantire assistenza nella formulazione di bandi per l’internazionalizzazione; organizzare corsi di formazione dedicati a giovani imprenditori e sviluppare un piano di comunicazione che valorizzi le eccellenze del territorio.

Tornando ai dati sull’export, la crescita delle esportazioni registrata in Calabria nel 2021, non solo colloca la regione tra quelle che hanno fatto meglio della media nazionale del 2020 (+18,2%) ma la porta anche ad un +13,9% rispetto al 2019. È il segno che anche in Calabria l’export continua a recuperare terreno ed è tornato sopra i livelli pre-Covid.

Manuela Fasanella